Home RICETTE AL TARTUFO Minestra di fagioli profumata al tartufo bianco

Minestra di fagioli profumata al tartufo bianco

by Donatella Simeone

IMG_4360

Con l’arrivo dell’autunno cambiano i colori della natura e di riflesso anche quello che mettiamo nel piatto,colori che si avvicinano sempre di più ai colori della terra,come il caso di una zuppa di legumi bella marrone e scura. Le zuppe,non sono loro le protagoniste della tavola nei mesi più freddi? E allora come prepararle? A volte basta davvero poco a renderle speciali anche con pochi ingredienti a disposizione, l’importante è avere quelli giusti!!!

IMG_4364

E come ormai avete capito il tartufo mi ha completamente stregato,ma questa volta non è il classico tartufo quello che bisogna avere fresco e grattugiarlo,no stavolta si tratta di un olio particolare (mica il solito olio aromtizzato da aromi artificiali) l’olio al tartufo di Magnatum club è un esclusivo olio profumato al tartufo ottenuto solo grazie ad un processo naturale. Ma per saperne di più vi rimando qui.

Mi è bastato usare una piccola quantità di questo olio,per regalare un profumo intenso di Tartufo bianco ad una semplice e povera zuppa di fagioli,ma vogliamo parlare del gusto? No,potessi allungare un assaggio ad ognuno di voi,direbbe tutto quello che io con un vocabolario alla mano non riuscirei a dire!

IMG_4378

INGREDIENTI PER 2 PERSONE:

200 GR DI FAGIOLI SCURI (messi in ammollo la sera prima)

1 CAROTA

1 COSTA DI SEDANO

1 CIPOLLA

1 CUCCHIAINO DI LARDO ( io ho usato quello per le tigelle aromatizzato all’aglio e rosmarino)

UNA SCORZA DI PARMIGIANO REGGIANO

SALE

UN FILO DI OLIO AL TARTUFO (Di Magnatum club)

PREPARAZIONE:

Sciaquate bene i fagioli che avrete messo in ammollo la sera precedente,togliendo via quelli che sono rimasti in superficie.

In una pentola (meglio se di coccio) fate soffriggere il cucchiaino di lardo

IMG_4197

unite il trito fatto con la carota,il sedano e la cipolla,lasciate soffriggere lentamente per qualche minuto,abbassate la fiamma.

IMG_4199

Unite i fagioli con quanto basta di acqua calda per far si che cuociono,(non aggiungete acqua fredda se usate il coccio per con lo sbalzo di temperatura si creperebbe) aggiungete anche la scorza di parmigiano (pulendo la parte esterna grattugiandola un pò) e portate a bollore,non appena bolle,con una schiumarola togliete dalla superficie la schiuma e proseguite lentamente la cottura.

IMG_4201

Gli ultimi minuti dalla cottura salate e se preferite una zuppa più cremosa,passate nel passa verdure una parte dei fagioli.

Servite la zuppa calda,con del parmigiano grattugiato e un filo d’olio al tartufo bianco,se preferite una spruzzata di pepe al mulinello.

IMG_4394


Facebook Comments

You may also like

12 comments

Federica 2 Novembre 2010 - 11:08

Caldi sapori autunnali impreziositi dall’olio al tartufo. E’ una meraviglia questa zuppa. Un abbraccio, buona giornata

Reply
Lucia 2 Novembre 2010 - 11:17

Oddio, quanto mi piace questa zuppa! E’ saporita, cremosa, corroborante… e quel filino di olio al tartufo la rende pure elegante e sfiziosa. Che vogliamo di più? 🙂

Reply
Fabiana 2 Novembre 2010 - 11:19

wow.. donatella che spettacolo di zuppa… e l’aggiunta del tartufo molto ma molto chic un bacio

Reply
Wennycara 2 Novembre 2010 - 11:57

Mi trovi perfettamente d’accordo, quando parli di cambiamento di colori, anche -e soprattutto- di quelli che troviamo nel piatto. Bella e utile la sequenza fotografica.
Buona giornata,

wenny

Reply
marifra79 2 Novembre 2010 - 12:19

Buona la zuppa, ha tutti i sapori dell’autunno… e quell’aggiunta del tartufo?Lo sai già vero!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Un abbraccio e buonissima giornata

Reply
Claudia 2 Novembre 2010 - 12:56

Donatè.. sto sbavando.. poi con qella scorza di parmigiano!! Anche io la uso in quel modo!!! Ottima… con quell’olio al tartufo poi!!!!! sono invitata a pranzo da te vero???? smackk buona giornata 🙂

Reply
Ambra 2 Novembre 2010 - 12:59

Questa zuppa è davvero una poesia, adoro i fagioli e quel tocco di tartufo mi piace da matti!!!Bacio

Reply
pagnottella 2 Novembre 2010 - 14:15

Hai seguito alla lettera ogni regola per cuocere una buona minestra di fagioli, addirittura con il “pingnateddu”
mmmm interessante l’olio impreziosito…
bacioni

Reply
Luciana 2 Novembre 2010 - 18:48

Complimenti Donatella…sei sempre bravissima…questa minestra l’hai realizzata alla perfezione!!! un abbraccio 🙂

Reply
( parentesiculinaria ) 3 Novembre 2010 - 0:05

Oh, ma come mi piace il connubio tra il paesano fagiolo e il principe tartufo. Fantastico…. sempre raffinata, carissima! 🙂

Reply
accantoalcamino 3 Novembre 2010 - 8:04

Come rendere "esclusiva" una minestra di fagioli, brava…

Reply
Egypt 4 Giugno 2011 - 17:33

Thanks for srhanig. What a pleasure to read!

Reply

Lascia un commento